Libri antichi Libri antichi

La Radioactivité et les transformations des éléments

La Radioactivitè

Autore:  Jean Becquerel

 

Titolo: La Radioactivité et les transformations des éléments

Editore: Collection Payot

Collana: ---

Pagine: 208

Prezzo:  ---

Anno prima edizione: 1924

ISBN:  ---

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

 

 

 

AFFASCINANTE!

 E difficile! Non per l’argomento o per la lingua.

 Difficile toccare le pagine ingiallite dal tempo e con le irregolarità tipografiche col timore di rovinarle.

È un libro che va letto “gustato” in religioso silenzio (anche per sentire gli scricchiolii delle pagine che vogliono ritrovare l’aria che da tempo non sentono e fare attenzione così a non chiedere troppo alla apertura delle stesse).

Jean Becquerel è figlio d’arte: figlio del “mostro sacro“ Henri Becquerel e nipote di altri Becquerel meno famosi ma non meno importanti.

Il libro inizia proprio seguendo la traccia storica del padre e racconta con esattezza le modalità della scoperta che lo ha reso celebre in tutto il mondo.

Una curiosità: non si definisce mai figlio di… e non lo chiama mai padre o professore.

Ma inizia la prima parte del libro con “LES RAYONS BECQUEREL” (i raggi Becquerel)…

Sostanzialmente il testo non porta nulla di nuovo (considerando l’epoca) a quella che era la realtà della fisica atomica e tutto ruota attorno ai soliti radionuclidi conosciuti nel 1924.

È comunque impressionante leggere quelli che erano i percorsi didattici e le carriere del tempo: J. Becquerel esce da l’Ecole Polytechnique a 21 anni e diventa assistente a 24 e infine a 30 anni professore al Museum National d’Histoire Naturelle e titolare della cattedra di fisica.

Cattedra nella quale 4 Becquerel si sono succeduti di padre in figlio sin dalla sua fondazione nel 1838.

Anche questo è un libro per collezionisti appassionati; per capire da dove arriviamo!

Abbastanza introvabile.

giovedì 12 giugno 2014   

Il Radio

Il Radio copAutore:  Pierre CURIE
Titolo: Il Radio
Editore: LF Pallestrini e Co Editori - Milano
Collana: Biblioteca Generale di Coltura n.7
Pagine: 75
Anno prima edizione: 1904


Il valore di questo libro è chiaramente legato sia all’epoca di stampa quanto all’autore: difficilissimo poter reperire le pochissime copie ancora disponibili (con copertina morbida o rigida).

Il titolo completo di sottotitolo è “Il Radio – Recenti Ricerche Sulla Radioattività”.Il Radio part

In prima pagina compare il logo con le iniziali della casa editrice (LFPEC), il simbolo dell’Associazione Di Maria Ausiliatrice (ADMA) con la scrittura alla base “…e il grande amore”: un onorabile ricordo di quando le Arti e i Mestieri derivavano da una Passione.

Il libro è un rapido riassunto sulle ricerche dell’epoca (dal 1896 al 1903) sulla radioattività.

Su questo libro troverete il battesimo delle radiazioni ossia la designazione del “…complesso di raggi di differente natura che possono essere compresi in tre gruppi. Seguendo la denominazione adottata da Rutherford io designerò questi tre gruppi di raggi colle lettere α, β,γ”.

Semplicemente bello e decorativo il capolettera che anticamente si utilizzava al solo inizio del libro (prima parola della prima riga del testo) e che, a differenza dei normali caratteri di stampa ingranditi, presenta grazie e disegni manuali.

Singolare i richiami tra gli stessi Scienziati: tra loro non si usavano i titoli accademici (“…vedere la Tesi di laurea della signora Curie” oppure “…secondo il Sig. Rutherford…”).

I pochi disegni esplicativi sono tutti fatti a mano.

Quelli che noi conosciamo come raggi X, P.Curie li chiama sempre “raggi di Becquerel”.

Emozionante leggere i risultati delle ricerche condotte, dove i quesiti sono maggiori delle soluzioni proposte: il libro racconta i soli risultati delle ricerche e le interpretazioni date dai vari attori del tempo (quando internet non esisteva e le comunicazioni avvenivano esclusivamente per lettera e con tempi di trasmissione inimmaginabili).

Curie conclude il testo pensando a noi… “oltre all’interesse teorico di cui sono oggetto i fenomeni di radioattività dànno nuovi mezzi di ricerca ai fisici, ai chimici, ai fisiologi ed ai medici.

Anche questo è un libro per collezionisti appassionati; per capire da dove arriviamo!

Franco CIOCE

Il Radio e la Radioattività

Il Radio e la RadioattivitàLunedì 2 Dicembre 2013, a cura di Franco CIOCE.

Il titolo completo è: “Il radio e la radioattività considerata nella sua più semplice espressione”.

Affascinanti le immagini disegnate a mano, la carta che racconta il tempo e la grammatica ormai persa nei meandri dei correttori automatici: “da quanto verremo  in questo lavoro studiando….

A differenza degli attuali autori che dedicano l’opera a genitori, consorti, figli, nel 1927 ancora si dedicava ad un mentore, “con riconoscenza ed affetto”.

L’autore si rivolge al lettore sempre in prima persona e ritiene indispensabile iniziare, introducendo, i concetti di fisica elementare per arrivare alla scoperta della radioattività.

Il fascino sta anche nel leggere come interpretavano nel 1927 fenomeni dei quali ancora non si conosceva la causa e l’origine.

Ma altrettanto curioso è scoprire nomi di nuclidi che sono scomparsi nel nulla: ad es. l’Emanio noi lo conosciamo come Attinio !

Anche questo è un libro per collezionisti appassionati; per capire da dove arriviamo!

Non è facile da trovare ma non è introvabile.

Franco CIOCE